Arte (sui tombini) di strada

Recensioni

Se anche le più famose maison di moda che trovano alloggio nella centralissima “Montenapo” di Milano hanno deciso di votarsi all’arte di strada, allora significa che qualcosa sta veramente cambiando. La mostra open air “Sopra il sotto – Tombini Art raccontano la città”, che da martedì 24 febbraio al marzo 2016 colorerà i pavè di via Montenapoeone e via Sant’Andrea, vuole infatti raccontare un ground davvero under dove a mettere in relazione la pelle della metropoli con le sue vene, la fibra ottica, sono 24 esemplari di Tombini Art.

Pezzi unici e originali, cesellati a rilievo e dipinti a mano, sono stati pensati e ideati site specific dagli stilisti che hanno aderito con entusiasmo al progetto scatenando la loro creatività: Giorgio Armani, Just Cavalli, Etro, Missoni, Larusmiani, Laura Biagiotti, Costume National, Moschino, 10 Corso Como, Prada, Trussardi, DSquared2, Versace, Iceberg, Brunello Cucinelli, Hogan, Alberta Ferretti, Valentino, Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Giuseppe Zanotti Design, Ermenegildo Zegna. Due tombini, poi, sono stati progettati da due giovani promesse dello stile: in collaborazione con l’Istituto Marangoni di Milano, hanno partecipato al contest gli studenti e una giuria composta da rappresentanti di Metroweb, dell’Istituto Marangoni e della Camera Nazionale della Moda Italiana. È stato così possibile selezionare i due giovani fashion designer, Alessandro Garofolo e Santi, che hanno meglio interpretato il concept della mostra: a loro va anche la soddisfazione di vedere realizzato il loro tombino in via Montenapoleone.

Un progetto cui Milano è già stata abituata da tempo: l’evento “Sopra il sotto” vanta infatti due passate edizioni, entrambe molto apprezzate dalla popolazione fashion delle zone più modaiole della città. La prima edizione è targata 2009: in occasione dell’anniversario decennale di attività, Metroweb aveva sostenuto la giovane arte contemporanea ricordando ai cittadini milanesi un primato fonte d’orgoglio: Milano era la città più cablata d’Europa. A quell’epoca la mostra durò 6 mesi e invase il quartiere più creativo di Milano, la zona Tortona, invitando street artist affermati nella libera interpretazione del tema della rete. Selezionati dal curatore Davide Giannella e con la direzione artistica di Gisella Borioli, parteciparono in 16: 108, 2501, Abbominevole, Bo130, Dem, El Gato Chimney, Faust, Luze, maba, Microbo, Ozmo, Pho, Santy, Sten&Lex, Ufo5, per un totale 30 tombini di diverse dimensioni che raccontavano il mondo sotterraneo della fibra ottica.

La seconda edizione, targata 2010, aveva goduto di un taglio globale: dalle capitali mondiali della public art e del graffitismo (Milano, Berlino, Parigi, Londra, New York) erano infatti stati chiamati cinque grandi artisti della street art internazionale, invitati a realizzare un’opera multipla sui tombini di via Montenapoleone, quasi una personale ciascuno. Grandi protagonisti furono, dal 18 novembre 2010 al dicembre 2011, Shepard Fairey (New York), Flying Fortress (Berlino), Rendo (Milano), The London Police (Londra), Space Invader (Parigi).

Quella del 2015 sarà invece un’edizione speciale nella quale saranno in Mostra open air i disegni delle eccellenze del made in Italy che “vestiranno” anche i marciapiedi del quadrilatero della moda rendendo ancor più bella e attrattiva Milano proprio durante Expo 2015, periodo durante il quale i riflettori di tutto il mondo si accenderanno sul nostro Paese. Come per le scorse edizioni, a chiusura della mostra open air (gennaio 2016) i Tombini Art, dopo un attento restauro, saranno battuti all’asta da Christie’s: il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza all’organizzazione non profit Oxfam Italia, Civil Society Participant di Expo 2015.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Un pensiero su “Arte (sui tombini) di strada

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...