Il Rinascimento del XXI secolo? Si chiama #UAR

Recensioni

Nel V secolo a.C. fu il filosofo Protagora ad asserire per primo che “l’uomo è misura di tutte le cose”. Nel XV secolo furono umanisti rinascimentali quali Leon Battista Alberti, Leonardo Da Vinci e Filippo Brunelleschi a recuperare e fare propria la massima protagoriana. Oggi, dal 12 agosto al 23 settembre, è #UAR, Urban Art Rennaisance, a rimettere al centro l’uomo e la street art, alla Fabbrica del Vapore di Milano, nello spazio ex locale Cisterne.

Nell’ambito del calendario di ExpoinCittà e in collaborazione con il Comune di Milano, la grande mostra di urban art vuole far riflettere su un aspetto fondamentale del nostro tempo, la necessità di un nuovo Rinascimento: e chi meglio della urban art poteva dimostrare che l’arte è la più alta forma di comun azione, e che la sua influenza può essere oggi volano di un messaggio che invita proprio a un nuovo Rinascimento? Comun denominatore della mostra saranno, dunque, gli artisti, provenienti da tutto il mondo: gli italiani 2501, Etnik, Laurina Paperina, Millo, No Curves e Pixel Pancho, il francese C215, l’inglese D*Face, il tedesco Reka, l’australiano Rone e l’olandese The London Police. Ognuno di loro propone di rimettere l’uomo al centro: come? A spiegarlo è Nicolas Ballario, curatore della mostra: “C215 propone opere fortemente teatrali che rimandano palesemente a Caravaggio,  D-Face ha rimandi ai padri della Pop Art, Pixel Pancho critica la società attraverso i suoi robot, Etnik sceglie di edulcorare l’omologazione urbana per denunciarla e Hopnn “rimprovera” il moderno sistema consumistico; e ancora le linee ondulate di 2501, che sottolineano il nomadismo culturale dell’artista, o quelle geometriche di No Curves; ironici, anche se con linguaggio molto differente, The London Police e Laurina Paperina, iconici i primi e fumettistica la seconda; poi due tra i più importanti e produttivi street artist australini: Reka, che predilige l’emotività con un fare quasi espressionista, e Rone, che ammicca a Todorov e al suo “la bellezza salverà il mondo”; particolarmente significativa anche l’opera di Millo, autore che umanizza i contesti urbani”. E dal 3 settembre la mostra si amplierà con le opere create dagli street artist studenti dell’Accademia di Brera.

Ma Urban Art Renaissance sarà anche artefice di una rivalutazione e rivitalizzazione artistica del territorio urbano con una grande mostra a cielo aperto che animerà la città in due momenti di live performance. Dal 10 al 20 settembre “Energy Box” #energybox2015, iniziativa di A2A e Fondazione Aem, ideata da Atomo Tinelli, dipendente di A2A e urban artist di fama, prevede che 50 artisti selezionati da Atomo stesso e dallo storico e critico d’arte Flavio Caroli eseguano i loro live painting su 150 centraline semaforiche, tele virtuali individuate intorno all’area in cui saranno sviluppate le attività creative di Urban Art Renaissance. Dal 13 al 23 settembre a grandi nomi riconosciuti a livello internazionale verrà affidato il compito di usare l’arte come strumento d’azione intellettuale, come mezzo per sancire un nuovo umanesimo. Varie discipline al centro della società moderna – Architettura, Moda, Design, Musica, Cinema, Letteratura, Tecnologia, Economia, Filosofia e molte altre – verranno trattate dagli artisti invitati a realizzare un live painting, in diversi luoghi significativi per la città. Alcune importantissime personalità del mondo intellettuale italiano si trasformeranno in curatori e avranno il compito di stendere una traccia che servirà all’artista per la creazione di un muro in Città. Ad inaugurare la serie The London Police a Brera dal 29 al 31 agosto.

Annunci

Un pensiero su “Il Rinascimento del XXI secolo? Si chiama #UAR

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...