Sicilia Brucia d’Amor: street artist uniti per dire basta agli incendi

Interviste, Recensioni

“Non si può rimanere indifferenti quando, intorno a te, le fiamme coprono la terra”. Ecco perché il Collettivo CAPA, Collettivo Artisti Protezione Ambiente, gruppo di artisti che nasce dall’idea di metter a disposizione le arti a tutela della natura in questi anni minacciata dalla mano e dall’incuria dell’uomo, ha deciso di agire.

Il 24 e il 25 agosto (date della manifestazione regionale delle associazioni ambientaliste alla Riserva dello Zingaro) andrà così inscena Sicilia Brucia d’Amor, un nome provocatorio per una kermesse che serva da riflessione sugli incendi che hanno colpito l’isola tra luglio e inizio agosto. Ma come si svolgerà? “CAPA – spiegano gli organizzatori – ha fatto appello a tutti gli artisti nel mondo affinché realizzino nelle proprie città opere, performance e qualsiasi espressione artistica sul tema degli incendi, al fine di aggregare ed espandere la riflessione in più luoghi possibili. Abbiamo poi chiesto agli artisti che aderiranno a distanza di testimoniare il loro operato tramite video o foto della propria partecipazione attiva. Sarà opera del Collettivo postare e diffondere tutto il materiale pervenuto”.

Non solo. Per sensibilizzare la comunità locale sono stati invitati anche diversi street artist che, in quei giorni, dipingeranno sul muro dello Stadio di Castellamare del Golfo, città recentemente colpita dagli incendi. “Un’opera – proseguono da CAPA – per lasciare un segno, una scintilla nelle coscienze, come a voler dire che il fuoco che brucia nell’arte è più potente”. Acnaz, Carlos Atoche, Hopnn e Mathias Pds gli artisti che per ora hanno aderito alla manifestazione e, al loro fianco, anche tante associazioni: Associazione Metropolis, Associazione di Volontariato TrinArt (Castellammare del Golfo), Associazione Socio-Culturale “Peppino Impastato” (Salemi), Associazione Quartjeri (Capo D’Orlando), L’Abattoir  (Palermo), Addio Pizzo Travel, Essai Sport Lido (Capaci), Ginger e food e Fondazione Angelo Vassallo “il Sindaco Pescatore”.

“Penso che un evento culturale come questo – mi dice Carlos Atoche, street artist tra i partecipanti dell’evento – abbia la capacità di riunire la comunità e puntare l’attenzione sull’argomento. Non a caso sono state proposte due serate di Jam di murales e musica dal vivo, ed è stata pubblicata una open call di artisti in modo da abbracciare tutte le realtà artistiche del territorio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...