Loading

L’otto per le donne, il murales di Cheris e Amina assieme a Elica Rossa e i ragazzi del liceo artistico Michelangelo di Como

Share

A ricordare l’8 marzo nel Municipio 8 di Milano ci ha pensato l’associazione di promozione sociale Elica Rossa. Così è nato “L’otto per le donne”, il murales che oggi campeggia in via Domodossola, realizzato da Amina Ferracini, Cheris Macaranas e da 10 tra ragazze e ragazzi del liceo artistico Michelangelo di Como. “Un lavoro durato tre giorni – mi spiega Simona Regondi, dell’associazione Elica Rossa – per 25 metri di muri e che ha visto il coinvolgimento della scuola a partire dal programma di studio dell’ultimo mese: qui, infatti, la nostra docente Chiara ha spiegato cosa fosse la giornata internazionale della donna, ha chiesto la collaborazione dei ragazzi e, con loro, ha fatto uno studio dei bozzetti preparatori”.

Poi, una volta al muro, “Le ragazze del liceo hanno realizzato le sagome delle donne che noi abbiamo campito col colore, mentre i maschi hanno realizzato la scritta “L’otto per le donne” con caratteri che si sono inventati loro e con le loro tag in un angolo”. Figurativo e calligrafia sono stati invece realizzati da Cheris, mentre i mandala sono, ça va sans dire, di Amina.

A proposito, come mai si è scelto un titolo di questo tipo? Si tratta di uno slogan che da sempre campeggia nei cortei in occasione della Giornata Internazionale della Donna e non solo..

“Otto – spiegano i ragazzi di Elica Rossa – come il Municipio in cui lo abbiamo realizazzato e che si dimostra sempre attento e sensibile alla parità di genere (questo progetto si pone infatti in continuità con quello del 25 novembre che era stato fatto sempre da Cheris e Amina, ndr), lotto perché la difesa dei diritti delle donne è ancora necessaria. Ricordare oggi questa giornata non significa regalare mimose (fiore scelto dalle madri costituenti Teresa Noce, Rita Montagnana e Teresa Mattei come simbolo di questa giornata), significa rinnovare l’impegno perchè le disparità e le discriminazioni agite nei confronti delle donne si riducano progressivamente e terminino”.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *