Loading

Intervista a Tim Marschang, di Street Art Antwerp e Street Art Cities

Share

Voglio chiudere questo 2019 presentandovi un paio di interessanti conoscenze internazionali che abbiamo fatto nel corso del nostro percorso associativo dell’anno che sta per chiudersi.

Il primo è quello con Tim Marschang, Community Manager della pagina social Street Art Antwerp. Ammetto che non ricordo con precisione il giorno del nostro incontro: di certo c’entrano le mie frequentazioni belghe, che sono iniziate più di anno fa e che, nel mio peregrinare, mi hanno portata anche ad Anversa e a visitare la sua Street Art con gli amici del posto (e, dunque, non con i ragazzi di Street Art Antwerp che organizzano anche Street Art Tour in città).

Così, tra una chiacchierata e l’altra, scopro che Tim è nel circuito di Street Art Cities, piattaforma che nel tempo è riuscita a mettere in contatto appassionati cacciatori di arte di strada di tutto il mondo per documentare l’arte in ogni città attraverso mappe di opere, percorsi e associazioni che si occupano di Street Art Tour. Ça va sans dire, ne siamo entrati a far parte anche noi (qui il giro dell’Ortica, ma trovate anche gli altri) e, cogliendo l’occasione della collaborazione, ho fatto una mini intervista a Tim. Ecco che cosa ne è uscito.

Puoi dirmi brevemente chi sei, qual è il tuo background, il tuo lavoro e qual è il tuo ruolo, sia in Street Art Antwerp sia in Street Art Cities?

Mi chiamo Tim, lavoro a tempo pieno come coordinatore della manutenzione di un impianto chimico ad Anversa. Lavoro lì da 22 anni ormai. Un paio di anni fa mi sono casualmente imbattuto in un’opera d’arte di strada da qualche parte ad Anversa e ho iniziato a scattare foto e a condividerle sui social media. Un giorno, mentre cercavo una piattaforma pratica per condividere tutte le mie scoperte, in modo che tutti potessero trovarle (è questo il senso dell’arte di strada), mi sono imbattuta in questo sito web basato su Google Maps a Heerlem (Paesi Bassi). Alla fine ho fatto loro visita e ho accettato di lanciare il loro sito ad Anversa. È lì che è nata l’idea delle città d’arte di strada. Le cose sono andate veloci, ho vinto un concorso per sviluppare un’app, la prima app Street Art Antwerp che è stata poi riavviata come app Street Art Cities, ho iniziato a organizzare tour di street art e a facilitare nuovi progetti (finora ho realizzato circa 30 murales e faccio parte di un’organizzazione di festival). Come co-fondatore di Street Art Cities mi occupo dei social media e della comunità. Sono in contatto con tutti i cacciatori (oltre 800) del mondo. SAC è un progetto autofinanziato, il che significa che il team di base ci mette tutto il suo tempo e un po’ di soldi per farlo crescere. Al momento stiamo parlando con le città per sviluppare partnership, il che significa che pagherebbero per lanciare la città nella nostra app. Ascoltiamo i nostri utenti e partner e da lì sviluppiamo nuovi strumenti, miglioramenti e funzionalità.

Se dovessi consigliarci una passeggiata alla scoperta della Street Art e dei graffiti di Anversa, quale sarebbe? Cosa vedremmo?

Per quanto riguarda Anversa, abbiamo una ricca storia di graffiti e arte di strada che risale ai primi anni ’90. Quindi abbiamo molto da mostrare, dai grandi murales, a diversi muri legali e a un gigantesco spot chiamato Meeting of Styles, 4000m² di ogni stile caldo di questi tempi, dai semplici graffiti tags agli ingegnosi capolavori. Dall’arte di strada astratta ai ritratti realistici. Questo spot è il Walhalla di Anversa, ma non perdetevi gli altri quartieri.

Quale pensi che sia la capitale della Street Art in Europa e nel mondo?

La capitale dell’arte di strada? Potrei dire che città come Parigi, Berlino e Londra sono quelle da visitare, ma proprio come nel turismo regolare queste città cominciano a diventare vittime del loro stesso successo. La bellezza delle città d’arte di strada è che si possono scoprire città che non hanno mai legato all’arte urbana come Zagabria, La Baneza e molte altre. Quindi dimenticate le capitali dell’arte di strada, cercate quelle gemme nascoste.

Puoi darmi qualche informazione su Street Art Cities? Per esempio, chi siete, come vi siete conosciuti, cosa fate e perché avete deciso di lavorare insieme a questo progetto?

Ho fondato Street Art Cities insieme ad altri 3, Sanne (grafico) e un collega cacciatore di street art di Heerlen. In realtà ha iniziato la prima mappa con l’aiuto di Bart (imprenditore) e Thomas (genio dell’ICT). Quando ho trovato la mappa di Heerlem ci siamo incontrati e abbiamo iniziato la stessa cosa ad Anversa, il passo successivo è stato lo sviluppo dell’applicazione Street Art Antwerp che in seguito è stata riavviata come applicazione Street Art Cities. Ho iniziato a collegarmi con altri locali alla fine del 2016 ed è nata l’idea di Street Art Cities, lavoriamo a distanza da Amsterdam, Londra, Heerlem e Anversa e ci riuniamo un paio di volte all’anno e lavoriamo in volata su miglioramenti, idee e nuovi sviluppi.

Come finanziate Street Art Cities e quali sono i suoi obiettivi a lungo termine?

Oltre a vincere quel budget iniziale per sviluppare la nostra prima app, abbiamo investito molto del nostro tempo, dell’energia e del denaro per mantenere questa nave sulla rotta. Non avremmo mai pensato che questa piattaforma sarebbe cresciuta così velocemente e siamo ancora impressionati dalla comunità. Abbiamo chiuso la nostra prima partnership con la città di Hasselt (Belgio) e siamo sull’orlo di nuove partnership che possono pagare le nostre bollette di hosting e di provider. Il nostro obiettivo finale è diventare la wikipedia dell’arte di strada, dove le persone possono trovare tutto ciò che vogliono sapere su questo movimento dell’arte contemporanea. Dalle informazioni sugli artisti alle gallerie, dagli autentici tour di arte di strada ai festival.

Qual è, secondo voi, il futuro sia della Street Art che dei Graffiti, a livello europeo ma anche mondiale?

Pensiamo che l’arte di strada sia ancora all’inizio, è sulla buona strada per diventare il movimento più influente che abbiamo visto negli ultimi decenni. Il punto di svolta è la gentrificazione di quest’arte, ma vediamo ancora molti attori locali che producono molti murales per assicurarsi che i talenti locali possano sviluppare le loro capacità. Speriamo di poter diventare una parte importante di tutto questo.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *