Loading

D-Sign of light, proiezioni di luce e un’asta di opere per l’ospedale di Padova

Share

Non solo disegni di luce proiettati nella notte sui muri delle case di Padova, ma anche opere d’arte che diventano, grazie a un’asta online, lo strumento per raccogliere fondi da devolvere alla Terapia Intensiva dell’Ospedale di Padova.

È D-Sign of light, idea dell’artista Andre Roulè che una decina di giorni fa ha cominciato a proiettare, direttamente dalla finestra della sua stanza, frasi ed animazioni sulla facciata dell’edificio di fronte. Le performance hanno trovato il plauso non solo della rete ma anche di altri artisti padovani, che hanno donato una serie di disegni di luce di diversi autori ad Andre Roulè, il quale provvederà a proiettare con regolarità, a partire fino a quando la quarantena non sarà conclusa. Le performance saranno filmate e fotografate per rimbalzare in rete, fruibili da tutti, dalla pagina Facebook.

Infine, gli artisti coinvolti nel progetto (Alessio-B, Axe, Cento, Gabriele Bonato, Joys, Kenny Random, Made514, Psiko, Seneca, Simone Berno, Tony Gallo, Yama e Zero Mentale) hanno deciso di organizzare un’asta di beneficienza donando una trentina di opere uniche tra tele e stampe, per raccogliere fondi da destinare direttamente alla Terapia Intensiva dell’Ospedale di Padova per l’acquisto di presidi DPI (dispositivi di protezione individuale) e respiratori.

L’asta si apre ufficialmente oggi alle 12 e chiuderà domenica 12 aprile alle 20. La presentazione delle opere, i rilanci e le donazioni libere saranno raccolte sul sito collegato alla piattaforma GOFOUNDME, accreditata e certificata per la raccolta fondi a scopi benefici.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *