Milano Art Week 2018: una visita al MiArt e a W.A.L.L. di Eron

Foto, In Italia, Recensioni

In una Milano tutta infiocchettata, a qualche ora dalla fine della Milano Art Week e con il Salone del Mobile (con relativo Fuori Salone) alle porte, mi sono concessa un pomeriggio a base di arte con un ospite d’eccezione: l’amico (e ormai anche confidente) Rendo.

Annunci

Musica, arte, ecosostenibilità: alla Fabbrica del Vapore occupata nasce Acropolis, Tempio del Futuro Perduto

Foto, In Italia

Fuori dal cancello di via Nono al 9 campeggia la scritta “Bene pubblico in fase di ristrutturazione, soggetto ad autogestione sperimentale temporanea”. Dentro, un cortile pieno di marmi dismessi dal vicino Cimitero Monumentale fa da ingresso allo stabile: un edificio, parte della Fabbrica del Vapore, di 800 metri quadrati dotato di uno spazio polifunzionale, uno scantinato, bagni di servizio e diversi uffici. Tutti abbandonati all’incuria e, ovviamente, inutilizzati.

TvBoy torna a Milano: sbucano Berlusconi e Renzi, Fedez e Chiara Ferragni e le icone dell’arte contemporanea

Foto, In Italia

Ricordate quando TvBoy aveva attaccato i suoi paste up provocatori in giro per Milano? Non era passata nemmeno una settimana che alcuni di essi erano stati coperti da mano ignote.

Il Festival Internazionale della Poesia di Strada sbarca a San Donato Milanese

Foto, In Italia, Interviste

“Se vai su Google e cerchi via Greppi ti rendi conto di quanto questa massicciata ferroviaria fosse davvero degradante in una zona così periferica. E invece, da due anni a questa parte, tutto è cambiato”. Lo dice con grande orgoglio Mister Caos, mentre passeggiamo per la periferia di San Donato Milanese. All’anagrafe Dario Pruonto è un docente, ma nel tempo libero ama organizzare eventi del calibro del Festival Internazionale della Poesia di Strada.

Il Meeting of Styles Italy 2017 trolla Donald Trump

Foto, In Italia

Puntuale come un orologio svizzero è tornato, anche per quest’anno, il Meeting of Styles Italy. Giunto alla sua terza edizione, l’appuntamento fisso (oltre che internazionale) di via Concordia a Trezzano sul Naviglio si terrà ancora fino a oggi. Ecco le foto che ho scattato durante il sopralluogo di ieri, tra giovani artisti, nomi noti, fotografi e un sempre apprezzato troll al presidente americano Donald Trump.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Street Art e graffiti vanno in albergo: apre NYX Milan, il primo lifestyle hotel d’Europa

Foto, In Italia, Interviste

Di notte si va per locali alla scoperta della città, di notte si balla nei club, di notte i graffiti prendono vita per farsi scoprire con la luce del giorno in tutto il loro splendore. E proprio alla notte è dedicato il primo life style hotel di Milano, il NYX (che, non a caso, in greco significa proprio “notte”) Milan di Leonardo Hotels. Il primo in città, ma anche il primo in Europa (seguiranno quelli di Praga, Monaco di Baviera e Madrid) in cui si sperimenta il concept del “Classy and sassy”, elegante e vivace. Esattamente come le opere, tra graffiti e Street Art, che vi si trovano al suo interno: tredici per la precisione (undici per piano, un dodicesimo sulla terrazza e un tredicesimo al piano terra) con cui la “galleria di arte diffusa” Question Mark ha riunito artisti italiani del calibro di Joys, Peeta, Sea creative e molti altri. Noi di Grafite HB abbiamo intervistato il curatore artistico dell’evento, oltre che uno dei  due soci fondatori di Question Mark, Daniele Decia.

I colori delle bombolette sulle barriere anti terrorismo di Milano

Foto, In Italia

È una vigilia di Natale un po’ insolita quella che stiamo vivendo a Milano. Dopo la strage dei mercatini di Berlino, ma soprattutto dopo che Anis Amir, il killer fautore di quella stessa strage, è stato scovato quasi per caso e ucciso a Sesto San Giovanni, l’allerta in città è alle stelle. Da quel 19 dicembre, infatti, il Comune ha deciso di installare nei punti più “sensibili” file di jersey, le barriere anti carro in cemento armato che dovrebbero servire come misura anti sfondamento nel caso si ripetesse un attacco simile a quello della capitale tedesca. Un’azione spiacevole, quasi invasiva, ma che è stata resa meno dura dall’azione rigenerante degli street artist.