A Torino nasce Docks 74: ai Docks Doria va in scena “Urban Layers”, la personale di Aris

Interviste, Recensioni

Dal 2001 hanno organizzato migliaia di jam a Torino, hanno seguito Street Attitudes (dal 2002 al 2011), Picturin (dal 2010 al 2012) e Murarte (nato nel 1999), hanno dato allo Street Art Tour e a moltissimi progetti in collaborazione con singoli artisti. Ora per l’associazione culturale Il Cerchio e le Gocce è arrivato il momento di dotarsi di uno spazio espositivo proprio nel cuore di Barriera di Milano, il quartiere in cui sono nati a cresciuti.

È con questo spirito che è nato e il progetto Docks 74, un nuovo spazio che ospita artisti provenienti dal mondo dei graffiti e dall’arte urbana della scena locale, italiana e internazionale. “In particolare – mi spiega Mr. Fijodor – l’idea è quella di coinvolgere artisti che amano intervenire in contesti urbani e underground”. Luoghi abbandonati, treni merci, strutture dismesse: insomma, qui l’attenzione è tutta proiettata verso quegli artisti che sono mossi da una vera e incondizionata passione, che hanno una forte empatia con la città e la ruggine e che prediligono lavorare su supporti originali presenti nell’ambito urbano.

A partire dalla location stessa: Docks 74 è infatti situato all’interno dei Docks Dora, un vecchio complesso di magazzini generali, alla periferia nord di Torino. “Questa struttura – spiegano gli organizzatori – costruita tra il 1912 e il 1914 in concomitanza con la cinta daziaria di Torino, venne poi dismessa negli anni’60. Negli anni ’90 i Docks Dora sono stati un punto di riferimento per la cultura underground di Torino e oggi sono vivi e vibranti grazie alla molteplicità di attività creative, culturali, commerciali e di intrattenimento presenti al suo interno. Proprio qui, dal 2015 è presente anche la sede dell’associazione”.

E non poteva che iniziare con l’esposizione di Aris il nuovo corso di Docks 74. In “Urban Layers” (questo il titolo della prima mostra, dal 19 ottobre al 12 dicembre 2017) sono presentati una serie di lavori su carta e su tela in cui l’analisi è diretta alla stratificazione urbana. La città e il territorio si sviluppano sui residui della storia recente, il paesaggio muta osservando la stratificazione dei centri abitati, il layering composto da segni realizzati a spray, marker, pennello o direttamente graffiati sulle superfici verticali acquista sempre più informazioni e ne sottolinea la mutabilità.

Annunci

TvBoy a Milano: Berlusconi, Trump, Salvini ma anche da Vinci e Hayez

Interviste

Donald Trump è tornato in Italia. Ma questa volta non stringe più la mano al Papa: adesso, a Milano, in Ripa di Porta Ticinese, nelle vesti di Batman, abbraccia Silvio. Silvio Berlusconi. Che, a sua volta, è vestito da Robin.

Rules of Engagement in Wunderkammern. L’intervista a Mark Jenkins e Rero

Interviste, Recensioni

Eros e thanatos, odi et amo, o ti amo o ti ammazzo. Due sentimenti agli antipodi che mai l’uomo ha saputo concentrare in un’unica espressione. Mai, all’infuori di “rules of engagement”. Nella lingua inglese, infatti, le regole di ingaggio sono direttive emanate da un’autorità militare che specificano le circostanze, le condizioni e i limiti sotto i quali le forze possono combattere col nemico. Tuttavia, l’engagement è anche l’accordo formale a sposarsi.

Il Festival Internazionale della Poesia di Strada sbarca a San Donato Milanese

Foto, In Italia, Interviste

“Se vai su Google e cerchi via Greppi ti rendi conto di quanto questa massicciata ferroviaria fosse davvero degradante in una zona così periferica. E invece, da due anni a questa parte, tutto è cambiato”. Lo dice con grande orgoglio Mister Caos, mentre passeggiamo per la periferia di San Donato Milanese. All’anagrafe Dario Pruonto è un docente, ma nel tempo libero ama organizzare eventi del calibro del Festival Internazionale della Poesia di Strada.

La “Synthesis” di Zeus40 alla Ischia Street Art

Interviste, Recensioni

“In generale, composizione, combinazione di parti o elementi che ha per scopo o per risultato di formare un tutto”. Così la storica enciclopedia Treccani definisce i termine di “sintesi”. Un sostantivo difficilissimo, dalle origine tanto lontane quanto attuali, al punto di diventare il titolo della solo exhibition di Zeus40 alla galleria Ischia Street Art di Forio.

Mosh Pit, a Torino un pogo di 64 artisti

Interviste, Recensioni

Prendete una galleria spaziosa dalle pareti bianche e immacolate, metteteci dentro poche opere armoniosamente disposte e contemplate uno spazio fighetto ma sostanzialmente vuoto. Ora prendete la stessa galleria, metteteci dentro 64 artisti, oltre 120 opere tra tele, foto e sculture e ascoltate a tutto volume il casino punk (sonoro e visivo) che ne viene fuori. Avrete ottenuto un’esplosione di creatività e di immaginazione, un caos ordinato di stili diversissimi che si intrecciano, si spingono e si riavvicinano. O meglio avrete ottenuto Mosh Pit, la nuova mostra collettiva dal 9 settembre al 21 ottobre alla Galo Art Gallery di Torino.

Sicilia Brucia d’Amor: street artist uniti per dire basta agli incendi

Interviste, Recensioni

“Non si può rimanere indifferenti quando, intorno a te, le fiamme coprono la terra”. Ecco perché il Collettivo CAPA, Collettivo Artisti Protezione Ambiente, gruppo di artisti che nasce dall’idea di metter a disposizione le arti a tutela della natura in questi anni minacciata dalla mano e dall’incuria dell’uomo, ha deciso di agire.