Al Vicolo Folletto Art Factories inaugura “Chiave Tripla”, tra strada e ricerca

Recensioni

Simone Ferrarini l’ha definita “l’incasinatissima questione galleria-graffiti”. E proprio da qui, assieme a Pietro Rivasi, è partito per realizzare la mostra “Chiave Tripla”, una collettiva che, da oggi fino al 4 marzo al Vicolo Folletto Art Factories di Reggio Emilia, racconta diversi aspetti dell’arte urbana attraverso il lavoro di nove artisti che hanno come comune background quello dell’arte urbana, ognuno dei quali ha tuttavia intrapreso un percorso estetico differente. Si tratta di Fra32, Collettivo FX, Honet, Egs, Moses&Taps, 2501, KingRusto, Sten&Lex e Nemo’s.

Annunci

Wall in Art, l’arte urbana dove non te l’aspetti

Recensioni, Senza categoria

Andare a fare graffiti in Valle Camonica è un po’ come tornare alle origini: qui, infatti, in quella che viene chiamata Valle dei Segni, che non a caso è stato il primo sito in Italia a ottenere il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità da parte dell’Unesco, si conservano ancora oltre 250mila incisioni rupestri, realizzate a partire dall’VIII millennio avanti Cristo. Lo sa bene Ozmo che, dopo la sua ultima fatica tra il vetro e il cemento di San Francisco, ha deciso di puntare al verde dei boschi della provincia di Brescia per organizzare la seconda edizione di Wall in Art, Muri d’arte nella Valle dei Segni. Qui, fino al 29 settembre, assieme ad altri due street artist, la Urban Art raccoglie idealmente il testimone delle popolazioni camune per proseguire, a suon di bombolette, trabattelli e pennelli, la tradizione locale dei graffiti su muro.