Viaggio a Ljubljana, tra locali LGBT, Rog Factory e Metelkova

Foto, Nel Mondo

Altra città, altro tour a tema (anche) graffiti. Questa volta siamo sbarcati a Ljubljana, capitale della Slovenia, una bella cittadella di quasi 300mila abitanti pulita e ordinata, quasi austrica. Insomma, una di quelle che non diresti mai che potrebbe offrire qualcosa di alternativo: e invece, tra centri sociali occupati, locali LGBT, muri liberi e festival di strada, anche qui i graffiti, ma soprattutto la Street Art, proliferano.

Annunci

Viaggio a Berlino, tra ferrovie, spiagge multietniche e gentrificazione

Foto, Nel Mondo

Natale con i tuoi e Pasqua.. a Berlino! È andata proprio così: dopo sei anni, durante le ultime vacanze pasquali, sono tornata nella città europea più iconica che conosca, la città degli edifici bombardati e (quasi) mai ricostruiti, del muro, dello zoo, della comunità turca. E, ovviamente, della Street Art. Certo, durante il ponte visitare musei e locali è impresa ardua: ma la strada, per fortuna, non chiude mai e, gambe in spalla, ho girato la capitale tedesca alla ricerca della Street Art, locale e internazionale.

Draw the line, nel Molise (che esiste) l’arte si autofinanzia

Recensioni

Blu, Roa, Sten e Lex, Pixel Pancho, Ericailcane, Alicè, Dado e tanti altri. L’avreste mai detto che tutti questi nomi hanno lasciato la loro traccia nel tanto vessato Molise? A Campobasso per la precisione, dove anche quest’anno è tornato il Draw the line festival, kermesse che dal 2011, assieme all’associazione Malatesta, colora e riqualifica i quartieri degradati e spesso dimenticati del capoluogo molisano.

Bologna, Blu cancella vent’anni di murales in città

Recensioni

Era rimasta in sospeso ma ora, finalmente, è arrivata. La risposta di Blu alla mostra “Street Art Banksy & Co.” è ora sotto gli occhi di tutti: nella notte l’artista ha iniziato a cancellare le sue opere bolognesi, e continuerà a farlo per tutta la giornata di oggi. Mani di pittura grigia che stanno coprendo una dozzina di murate, realizzate in città in oltre vent’anni: tempo durante il quale sono state fatte sottoscrizioni popolari, appelli intellettuali e raccolte di firme per il loro mantenimento.

Blu, Ericailcane e gli altri. A Bologna tanto rumore per nulla?

Foto, In Italia

Niente cioccolatini, rose rosse o massaggi agli oli essenziali. Gli ingredienti del mio ultimo San Valentino sono stati, piuttosto, pioggia, fango e un lungo vagabondaggio assieme al mio (pazientissimo) lui tra la zona universitaria e la periferia a nord di Bologna. Proprio il capoluogo emiliano, da un mese e mezzo a questa parte, è infatti al centro di un acceso dibattito che ha scaldato gli animi della rete (e non solo) su un tema a me caro: la street art, e l’uso incondizionato che dei privati ne possano fare. Ma dopo il bagno di freddo e nebbia in salsa bolognese, la sensazione che ho avuto è che si sia in realtà trattato di un’operazione mediatica un po’ raffazzonata ma (quasi) riuscita.

Milano’s Wunderkammern opens with Blek Le Rat. And Grafite HB has now a prestigious member

Interviste

Who said that galleries are in crisis? Mostly if we talk about those galleries that work with street art (subject that, according to statements made by Artcurial auction house, collected 3.6 million Euro in 20015, 60% more than 2014). The evidence of this is that this evening, at 18.30, is going to open the first office in Milan of Wunderkammer, one of the most important companies in Italy that opened his first gallery in Rome in 2008.

Wunderkammern apre a Milano con Blek Le Rat. E Grafite HB si aggiudica un illustre socio

Interviste

Chi l’ha detto che il mondo delle gallerie è in crisi? Figuriamoci se a essere tirate in causa sono quelle che si occupano di street art (materia, questa, che secondo i bilanci di Artcurial ha fatto incassare alla nota casa d’aste 3,6 milioni di euro nel 20015, il 60% in più rispetto al 2014). Prova ne è che proprio stasera, alle 18.30, inaugura la prima sede milanese di Wunderkammern, una tra le più importanti realtà d’Italia che ha aperto la sua prima galleria a Roma nel 2008.