Al Tempio del Futuro Perduto appaiono i volti di Giulio Regeni e Valeria Solesin, opera di Rosk e Loste

Recensioni

Era gennaio e nel freddo di un luogo che stava ancora costruendo la propria identità ci siamo chiesti: “Quali potrebbero essere le persone che meglio rappresentano il Tempio del Futuro Perduto?”.

Annunci

Giulio Regeni? “An Egyptian, like us”. Interview to El Teneen, Naguib and iAhmed

Interviste

Most of the requests from prosecutor in Rome to the Cairo judiciary have been welcomed, but Giulio Regeni’s death still remains shrouded in one of the most sinister of mysteries ever. Yet, three months after the death of 28-year old researcher, who died in Egypt high probably for his university (and uncomfortable) researches on Egyptian trade unions, there are people who still clamoring for justice and truth. They do that with Street Art, in a country far away from theirs:  El Teneen has drawn on a Berlin wall the face of Giulio joined by that cat, battered today and painted by Ganzeer, who accompanied the young man in the known photo that shows them together. With him two other Egyptian artists, Naguib and iAhmed, have made some sketches they hope to transform soon into real murals.

Giulio Regeni? “Un egiziano, come noi”. L’intervista a El Teneen, Naguib e iAhmed

Interviste

Sarà anche stata accolta buona parte delle richieste della procura di Roma alla magistratura del Cairo, ma la morte di Giulio Regeni rimane ancora avvolta nel più bieco dei misteri. Eppure, a tre mesi dalla morte del ricercatore 28enne, morto in Egitto con ogni probabilità per le sue ricerche universitarie (e scomode) sui sindacati egiziani, c’è chi ancora chiede a gran voce giustizia e verità. E lo fa con la Street Art, in un paese lontano dal proprio: El Teneen ha infatti disegnato su un muro di Berlino il volto di Giulio affiancato da un micio dipinto da Ganzeer, lo stesso che, oggi malconcio, che accompagnava il giovane nella noto foto che li ritrae assieme. Con lui anche due altri artisti egiziani, Naguib e iAhmed, hanno realizzato degli schizzi che sperano di potere tramutare presto in veri e propri murales.