Al Tempio del Futuro Perduto appaiono i volti di Giulio Regeni e Valeria Solesin, opera di Rosk e Loste

Recensioni

Era gennaio e nel freddo di un luogo che stava ancora costruendo la propria identità ci siamo chiesti: “Quali potrebbero essere le persone che meglio rappresentano il Tempio del Futuro Perduto?”.

Annunci

Di Street Art Tour e interviste radiofoniche

Recensioni

La storia si ripete, disse il greco Tucidide. E, a giudicare da quanto ci sta accadendo negli ultimi tempi, pare proprio che avesse ragione lui. Non solo, infatti, oggi pomeriggio torna per la seconda volta in un mese il nostro amatissimo Street Art Tour (qui tutte le info), questa volta in una veste molto underground, alla scoperta di quelli che furono i centri sociali di Isola e del nuovo spazio del Tempio del Futuro Perduto alla Fabbrica del Vapore occupata. Ma anche perché, per la seconda volta in qualche mese, siamo stati chiamati in radio a parlare di Street Art.

Musica, arte, ecosostenibilità: alla Fabbrica del Vapore occupata nasce Acropolis, Tempio del Futuro Perduto

Foto, In Italia

Fuori dal cancello di via Nono al 9 campeggia la scritta “Bene pubblico in fase di ristrutturazione, soggetto ad autogestione sperimentale temporanea”. Dentro, un cortile pieno di marmi dismessi dal vicino Cimitero Monumentale fa da ingresso allo stabile: un edificio, parte della Fabbrica del Vapore, di 800 metri quadrati dotato di uno spazio polifunzionale, uno scantinato, bagni di servizio e diversi uffici. Tutti abbandonati all’incuria e, ovviamente, inutilizzati.